le nostre ore contate

Quando si è ragazzi, per essere qualcuno bisogna essere parecchi.

Il momento per eccellenza in cui una persona si costruisce nel carattere, nel fisico e nello spirito è l’adolescenza.

Il protagonista (Sauro Terra), vent’anni dopo essere stato cacciato dal paese in cui è cresciuto (Badiascarna), è costretto a tornare a cercare proprio la persona che l’ha cacciato (suo padre Rino) e che ora sta morendo.

Sauro è un personaggio esiliato, ferito, cresciuto senza padre.

Un giovane uomo che finge di non avere nessun interesse a ritrovare suo padre ma che, in realtà, si strugge per sapere chi è diventato quell’uomo che non ha più rivisto.

Perché è solo rivedendo Rino, e Badiascarna e i posti della sua infanzia, che Sauro può capire chi è diventato lui stesso in questi venti anni.

Una luce in un buio personale, tracciare un solco tra un prima e un dopo, edificare qualcosa: una traiettoria, uno stile, una visione del mondo.

Un qualcosa che faccia dire: ecco, io sono qui, adesso, e sono questo.

leggi il libro su Amazon: https://amzn.to/2qKvPkq